7 Regole dello studio ordinato

L’argomento del giorno riguarda l’organizzazione e l’ordine nello studio di registrazione.

Molto spesso ho visto, nelle più disparate situazioni lavorative (Home studio , projetc , recording studio , etc.) , luoghi di lavoro disordinati.
Troppi di noi hanno subito il caos e le angherie dei cavi ingarbugliati , rondelline per aste perse nell’oblio , amplificatori ammassati a caso, microfoni un po’ li e un po’ qui, aste sparse ovunque. E’ giunto il momento di dire “No“.
Con alcuni accorgimenti possiamo limitare e organizzare un poco il nostro caos.

7 Regole dello studio ordinato “:

1) Chiamare un maniaco dell’ordine.

Tutti ne conosciamo uno , fastidiosi e pedanti , oggi è il giorno giusto per sguinzagliarlo nel vostro studio.
Se per tutto l’anno avete fatto in modo da non invitarlo mai a casa vostra per la paura di ucciderlo con il vostro disordine oggi è arrivato in momento di donargli uno scopo, fatelo per lui/lei.

7 Regole dello studio ordinato

2) Fate una lista.

Scrivete per categorie e sottocategorie ( Cavi : alimentazione , jack , xlr , etc etc. ).
La lista di tutto il vostro materiale “mobile” vi servirà per avere in modo chiaro gli oggetti da raggruppare vicini o insieme. Quante volte capita di andare a cercare un microfono ed il cavo è nell’altra stanza? Esatto.
Ad esempio una lista potrebbe contenere come categorie : microfoni , aste, cavi , accessori vari ( rondelle, attacchi microfoni ) , amplificatori, monitor , strumenti musicali, libri , cose da riparare.

7 Regole dello studio ordinato

3) Contenitori di vario genere.

I contenitori hanno una loro collocazione ben precisa, se mettete in ordine tutti i vostri cavi e poi li poggiate per terra avete soltanto spostato i cavi.
Dunque potete trovare in commercio tantissimi contenitori, da quelli in plastica a quelli professionali usati anche nei live. Non esiste una soluzione giusta ma solo una questione di spazio disponibile e budget.

7 Regole dello studio ordinato

4) Targhette e fascette adesive colorate.

Dopo aver riposto il materiale nei contenitori bisogna applicare sempre una targhetta per poter riconoscere velocemente il contenuto, volete passare ore ad aprire i vostri contenitori? No.
Le fascette adesive colorate invece possono essere molto utili per differenziare i cavi in uso , ad esempio per i monitor un colore , se utilizzate stage box con fruste multipolari utilizzatile per leggere l’ordine dei cavi.
7 Regole dello studio ordinato

5) Disegnate una planimetria  indicativa dello studio.

Ok. Questa fa un po’ “I Goonies” ma vi assicuro che è molto utile.
Con la planimetria davanti assegnate gli oggetti a seconda del loro utilizzo, ogni categoria andrà posizionata , tutta , in un punto preciso.
Non ha senso tenere alcuni microfoni in regia e altri nel deposito.
Ad esempio posizionati tutti i microfoni vicino alla categoria cavi, poi le aste. In questo modo per preparare la vostra sessione di registrazione non impiegherete sei ore a fare avanti e indietro.
7 Regole dello studio ordinato

6) Pulire costantemente.

Uno studio pulito è un ottimo biglietto da visita per il cliente , e può essere un luogo più piacevole da vivere. Dunque con regolarità si deve spazzare, vuotare i cestini etc etc etc.
Se non lo fate oggi, lo farete fra un mese e dovrete chiamare i ghost busters.

7 Regole dello studio ordinato

7) Ordinare costantemente.

Si è faticoso ma non lasciate passare troppo tempo per ordinare dopo una sessione di registrazione.
Se avete rispettato i punti precedenti avrete modo di ordinare molto velocemente e sarete pronti per una nuova sessione in tempi molto veloci, ovviamente non sempre è il caso di smontare tutto, capita spesso di tenere la batteria microfonata con i cavi al centro della sala per sessioni molto lunghe. Quello è buono.

Andate ed ordinate…non al ristorante.

7 Regole dello studio ordinato

Torna alla Home.

TPA Studio di registrazione roma

TPA Studio di registrazione roma

 

Share this story

Leave a Comment